Accesso utente

[ Chiudi ]
Due storie vere e un'emergenza
  Condividi su facebook
Stampa E-mail
di: Alessandro SALLUSTI   
venerdì 09 febbraio 2018

burocrazia-che-apre-alla-corruzione-i.jpg
La burocrazia veicola la corruzione
Quando l'altro giorno Berlusconi ha parlato di snellire le procedure in materia di licenze edilizie prospettava la possibilità di un new deal per imprese, ambiente e cittadini

Queste due storie sono veramente accadute, una in Inghilterra, l'altra in Italia. La prima. Un giovane manager della finanza italiano si trasferisce a Londra. Gli affari vanno bene e dopo qualche tempo decide insieme a due amici di aprire un piccolo pub. Per questo si reca negli uffici del Comune di Londra per sapere quali pratiche deve fare per ottenere i permessi. L'impiegato lo ascolta stupito. Pratiche? Nessuna pratica risponde lei deve solo conoscere e rispettare le leggi del Paese e della municipalità e comportarsi di conseguenza, dovrà solo comunicare l'inizio attività. L'italiano, meravigliato, prende un consulente e in poco tempo individua e apre il locale.                                   

Dopo due settimane riceve una telefonata dal Comune: «Ci dica in che giorno e a che ora possiamo venire a fare i controlli senza intralciare il suo lavoro». I funzionari che si presentano prima gli fanno i complimenti per aver investito a Londra, poi verificano, infine stimano un presunto gettito fiscale da constatare a fine anno.

Seconda storia. Un imprenditore italiano compra e ristruttura casa in una nota località turistica. Per modificare il patio gli occorrono sette permessi da parte di sette diversi enti. Presenta il progetto e ottiene sei sì e un no. Modifica il progetto in base alle contestazioni dell'unico no e ricomincia la trafila. Risultato: quattro sì e tre no. Rimodifica e ritenta, ma l'unanimità non c'è. Che fare, visto il tempo passato e i soldi spesi con gli architetti? Tira a sorte una delle soluzioni e procede ai lavori, ben sapendo che prima o poi andrà nei guai, cosa che si è puntualmente verificata.

Questi due esempi ripeto, storie vere raccontano più di tanti discorsi la differenza nella pubblica amministrazione tra un Paese moderno e liberale (la Gran Bretagna) e uno arcaico e statalista (l'Italia), che ovviamente è per questo ben più esposto ad abusi (la necessità di finire i lavori) e corruzione (magari qualche sì riesco a comperarlo).

Morale della favola. Quando l'altro giorno Berlusconi ha parlato, sollevando un vespaio, di snellire le procedure in materia di licenze edilizie, commerciali e relativi condoni, penso non immaginasse un nuovo far west ma prospettasse la possibilità di un new deal per imprese, ambiente e cittadini. E dire, caro Renzi ma anche caro Salvini, che non era così difficile da capire.

tratto dea www.ilgiornale.it

0 commenti
Inserimento concesso agli utenti registrati
 

Pillole di saggezza

La fede non è che una vanità tra le altre e l'arte di ingannare l'uomo sulla natura del mondo (Albert Caraco)

archivio >>>